lavare cane inverno

Si può lavare il cane in inverno?

Le giornate si accorciano, il freddo inizia a farsi sentire, le prime nevi colorano di bianco le cime dei monti… eh sì, l’inverno è alle porte!

E inesorabile arriva la domanda che molti proprietari si pongono: in inverno posso lavare il mio cane?

Nelle stagioni fredde, tra fango, bagni nelle pozzanghere e rotolate nella neve fresca, i cani tendono a sporcarsi quasi più che in estate…. Senza parlare del fatto che, trascorrendo più tempo in casa, l’odore dei nostri animaletti si fa sentire!

Abbiamo però una buona notizia: anche in inverno possiamo lavare per i nostri amici a quattro zampe. Dovremo però mettere in atto alcune accortezze per proteggere i nostri compagni pelosi dal freddo stagionale.

Per prima cosa, dobbiamo sapere che i cani sono geneticamente programmati per resistere al freddo – d’altronde un tempo, proprio come i lupi, vivevano nella natura selvaggia! Il pelo del cane, infatti, è in parte idrorepellente, grazie a uno strato grasso prodotto dalla cute che serve anche a proteggerli dalle basse temperature. Il pelo, insomma, è la più efficace barriera protettiva di cui sono dotati i nostri amici. Per preservare la salute del pelo è fondamentale usare detergenti appositi per cani, che non vadano a “sgrassare” il pelo e aiutino a preservare le naturali difese immunitarie.

Durante l’inverno è consigliato spazzolare di frequente il mantello del cane per impedire che si creino nodi o intrecci. Importantissimo sarà spazzolarlo dopo essere stati sulla neve, per evitare che si formi una brina che può fare male alla pelle.

Per mantenere la protezione naturale dello strato lipidico dovremo inoltre fare attenzione a non eccedere con il numero di lavaggi nelle stagioni fredde. La frequenza consigliata? Un bagnetto al mese come minimo, ogni due mesi se il vostro cane è particolarmente pulito 😉

Consigli per lavare il cane in inverno

Il bagnetto? Sempre in luoghi chiusi

Sembrerà ovvio, ma preferiamo ripeterlo: per proteggere il cane dagli sbalzi di temperatura è necessario organizzare il bagnetto in un luogo chiuso e riscaldato. Il rischio di sporcare casa, certo, è alto. Per questo esistono centri specializzati come il nostro, Brillantina Dog, un centro di lavaggio self-service con postazioni dotate di tutto quel che serve per un bel bagnetto.

Acqua tiepida e bagnetto veloce

L’acqua tiepida è sempre la scelta migliore per il bagnetto (ne abbiamo parlato qui). Anche in inverno, resistete alla tentazione di usare acqua calda per lavare il cane: se noi umani amiamo una bella doccia bollente, i nostri amici a quattro zampe sono più sensibili alle temperature, e l’acqua troppo calda potrebbe irritarli.

In inverno è inoltre una buona norma velocizzare i tempi del bagnetto per evitare che il cane prenda freddo. Le insaponature lunghe e accurate teniamole per l’estate!

Asciugare per bene

La fase di asciugatura è importantissima quando fuori calano le temperature. Dopo il bagnetto lasciate che il cane si scrolli da solo, poi tamponate e frizionate il pelo con un asciugamano. Assicuratevi in questa fase di avere a disposizione uno spazio ampio e “sporcabile”, perché gli schizzi sono assicurati!

Usate quindi il phon per completare l’asciugatura, facendo attenzione che l’aria emessa non sia troppo calda e non infastidisca il cane. La parte più delicata e difficile è il sottopelo; è necessario però che anche questo sia perfettamente asciutto per evitare raffreddamenti e polmoniti.

Se possibile, lavate il vostro cane in una giornata soleggiata e non troppo fredda: in questo modo il cane potrà eventualmente completare l’asciugatura stendendosi al sole.

Lascia un commento